Ci sei anche tu

sabato 22 aprile 2017

Lavagnette: il ritorno.

lavagnetta paperolavagnetta mucca

 

 

 

 

 

 

 

 

Un paperotto ed una mucca tornano, dopo tanti anni,  a  ricordarvi cosa non dovete dimenticare. Il genere è lo stesso ma come sempre non potevo non modificare alcune cose.

lavagnetta mucca particolari

Una dolcissima mucchetta realizzata in tessuto di cotone a cui ho dipinto a mano le macchioline nere, spunta con il suo musetto dalla lavagna rigorosamente in ardesia, quanto mi piace scrivere con il gesso; al collo un doppio fiocco  con nastri di lino color corda ed un ciuffetto verde con pizzetto. Un piccolo cuore di legno “ non dimenticare”.

papero stoffa

Il paperotto è più birbantello, ha un faccino birichino. Sulle piume ho appoggiato un fiore doppiato in tessuto nei toni del verde e giallo, fiocco di lino e pizzetto,  un fiocco piccinissimo anche  su un’aletta.

mucca stoffa

La lavagnetta è stata dipinta a mano con le macchioline muccose. Il fiore sulla testolina le dona molto, non trovate?

venerdì 21 aprile 2017

Oro e nero

borsa casetta teatro

Ancora una borsa a forma di casetta, questa volta a tema teatro. I colori richiesti sono stati Oro e Nero. Su una base di feltro nero sono state “dipinte” le decorazioni a tema. Sulla parte frontale un ingresso di teatro stile greco, con tanto di lampadario luccicante. Due arcate laterali con vasi in stile e fiori dorati. Dal manico pende una ballerina in resina sulla quale ho passato delle porporina oro e due grosse perle dal laccetto realizzato all’uncinetto .

borsa casetta nero oro

Il tetto, ovvero la pattina della borsa è stata realizzata in ecopelle. sulla chiusura interna poggia una camelia in oro realizzata con un tappo di bottiglia. Poi non appena avrò tempo vi spiegherò meglio, magari farò un piccolo tutorial. Sui due pannelli laterali ho applicato degli strumenti musicali e una locandina.

borsa casetta particolari

Il retro rappresenta un palcoscenico, con una ballerina classica nel suo tutù, un sipario appena accennato e due minuscole nappine. In basso le sagome del pubblico che assiste alla rappresentazione.

borsa teatro

Purtroppo ho dimenticato di fotografare l’interno della borsa che è stato foderato con lo stesso tessuto oro e relativa tasca.  Come al solito le foto non riescono a rendere giustizia a questo lavoro meticoloso e, ahimè, lunghissimo.Infatti ringrazio Viviana che ha sempre tanta pazienza nell’attendere le mie borse, ma ormai lei ci è abituata.

giovedì 20 aprile 2017

Fiocco nascita fatina

fiocco nascita fatina rosa

Nonostante sia passato qualche anno da quando creai questo fiocco nascita,  la fatina è sempre super richiesta. Ogni tanto aggiungo qualche dettaglio  e sebbene il progetto sia lo stesso, qualcosa di diverso c’è sempre.

fiocco nascita fatina particolari

Nello specifico, ho aggiunto un cuore cornice e i fiori sono dei delicati petali di ortensia. I fiocchi di organza non mancano mai e la farfallina cucita in pile bianco sembra librarsi leggera nell’aria.

fiocco nascita farfalla stilizzata

Diamo il benvenuto ad una nuova piccola stella caduta sulla terra.

mercoledì 19 aprile 2017

Copertura per Bimby- Fabric cover Tm5

copri bimby pecora

E dopo il copri forno  ecco anche il copri Bimby, quella macchina diabolica che si sostituisce alle nostre mani, per mescolare, tritare, impastare, cucinare, frullare…etc…etc. Mi è stata chiesta la copertura dell’intera macchina compresa la parte superiore denominata “ Varoma” e data la grandezza  è venuta fuori quasi una trapunta ( non ridete).

copri bimby particolari

Il filo conduttore è sempre la decorazione con la pecorella . I colori sono gli stessi del copri forno e copri fuochi. Sulla parte laterale è stata realizzata una tasca molto capiente per conservare vari utensili oppure il libero delle ricette.

Tm5 cover

Il retro è semplicemente liscio ed si nota solo la trapuntatura  per tenere salda l’imbottitura. Chissà se ne nascerà qualche altro con diverse decorazioni e colori.  Vi confesso una cosa, ma non ditela in giro. Per le foto e per tenere in piedi la copertura ho infilato nella stessa uno scatolo di cartone. Perchè?  Perchè io non ho il Bimby Winking smile

sabato 15 aprile 2017

Coniglietti sacchetti

coniglietti segnaposto

Sono stata invitata al pranzo di Pasqua e come mio solito mi piace donare un piccolo cadeau ad ogni commensale e in tutta fretta mi sono un po’ guardata in giro in rete per avere una qualche ispirazione. Non avevo le idee molto chiare, sarà la stanchezza degli ultimi tempi, sarà che la mia energia è tutta concentrata su altri lavori che sto portando avanti, ma non riuscivo a trovare una idea carina da adottare. Improvvisamente mi è saltata agli occhi questo progettino e me lo sono reinventato a modo mio. Ho disegnato il modello del sacchetto, mi sono ricordata di avere una tovaglia di tessuto non tessuto conservata non so più da quanto, mai utilizzata; di palline ne avevo a iosa…e subito mi sono messa all’opera.coniglietti sacchetti segnaposto

La testina, come si vede dalla foto è una pallina  forata di legno di 40 mm di diametro. Dopo averla dipinta ( purtroppo non sono ancora riuscita a trovare un pennarello che non sbavi sul legno grezzo) ho infilato le orecchie del sacchetto nel foro della pallina, facendole uscire entrambe dal lato superiore.                                Per le signore che riceveranno questo dono, ho applicato un fiocchetto alla base delle orecchie, mentre per i signori il fiocco è stato annodato alla gola, ricordando un papillon. All’interno di ogni singolo sacchetto ho inserito una piccola quantità di imbottitura siliconica e degli ovetti  di cioccolato. Ho ritagliato delle bandierine in cartoncino con gli auguri di Pasqua e adornato alla men peggio un cestino per contenerli tutti.cestino coniglietti

Penso che con colori diversi e tessuti leggeri possano essere trasformate anche in simpatiche bomboniere per un battesimo. La fantasia vola da sola quando non la si cerca affannosamente, perciò mi auguro di vedere tanti vostri bei lavori con questa simpatica idea.

Buona Pasqua a tutti voi e i vostri cari

domenica 26 marzo 2017

Matrimonio in carrozza

carrozza di cenerentola

Il bianco  che si declina in diverse forme e dimensioni per questa carrozza porta bomboniere. La base in legno è stata rivestita con feltro spesso 3 mm e poi a sua volta coperto con del tessuto consistente ma allo stesso tempo delicato ed elegante.

Dopo varie prove di, e qui le chiamerei, architettura ingegneristica, ho creato la sagoma, in plastica rigida ma flessibile, feltro e tessuto ed è venuta fuori una cupola che somiglia più a quella del Brunelleschi.

carrozza di tessuto

Le decorazioni sono state realizzate tutte a mano, in raso ed organza per le rose e i boccioli, mentre tante foglie in tulle color avorio rendono la composizione più leggera. Tanti fili di perle delineano gli spicchi della “zucca”. Pietre in Swarovski di diverse dimensioni si poggiano qua e là donando lucentezza.

fiori di stoffa

Il progetto è stato realizzato per un negozio di bomboniere che avendo apprezzato la mia precedente carrozza me ne ha commissionato una più grande per i suoi clienti.

cinderella carriage

misura: 50 cm di diametro, 50 di altezza ( cupola). misura totale: 76 x 74

Purtroppo le foto non rendono quello che solo  gli occhi riescono a cogliere, e per quanti particolari si possano intravedere la bellezza dell’insieme non è fotografabile. Io ci ho provato, spero che piaccia anche a voi.

A presto con nuovi lavori

giovedì 2 marzo 2017

Barche, barchette e galeoni

barche

Il mare, fonte di ispirazione. Ci si perde nella sua vastità, il suo mormorio ti invita a solcarlo e ti infonde una varietà di emozioni difficili da spiegare a parole, e con il massimo rispetto ci si inoltra nei sui impetuosi flutti. La storia ci racconta che da sempre l’uomo ha cercato di attraversarlo e dietro il frutto del suo ingegno è riuscito nel suo intento creando dapprima una zattera,  una barchetta e via via fino alle più sofisticati transatlantici. Qui ci siamo limitati a costruire diverse barchette, in diversi materiali e diverse tecniche di esecuzione. Mettetevi comodi e guardiamo insieme le varie versioni.

galeone stoffa

Da un progetto di Francesca Ogliari, pubblicato nel suo libro “ Il canto del mare” ho provato a riprodurre il suo magnifico Galeone. Un doppio scafo di stoffa con uno strato interno di fliselina per rendere il tessuto più rigido , la “vela Maestra” e il “velaccio” sventolano sull’albero realizzato con un tondino di legno. Mi piace moltissimo e con le varie fantasie di tessuti ci si può davvero sbizzarrire.

galeone di stoffa

Ho applicato un piccolo Pavese dall’albero fino a poppa e non poteva mancare un nodo squisitamente marinaro “ La gassa d’amante doppia”. Gli addetti ai lavori sanno di cosa sto parlando, e qui il mio passato ritorna ogni volta sempre più prorompente.barchette stoffa

La barchetta in legno è un mio modesto progettino, anche se in rete se ne vedono di bellissime. Da un pezzetto di abete ho ritagliato la sagoma dello scafo che ho colorato di un delicato grigio polvere. Al centro  ho praticato un foro centrale per inserire l’albero. Un altro piccolo foro a prua dove ho inserito un gancino a vite dal quale parte lo spago che regge il piccolo pavese. La vela triangolare di stoffa completa l’opera.Barchette gessetti

Barchette in polvere di ceramica colorate con pigmenti sciolti in acqua per dare un tocco di mare vissuto.

barchetta legno stoffa

Io mi sono divertita un mondo a farle e presto le declinerò in versione bomboniera. Continuate a leggermi e le vedrete prossimamente, anche se nella mia testa frullano tante idee, a volte strampalate ma che spesso si concretizzano meno peggio. Tanti altri progetti in lavorazione che mi auguro possa mostrarvi quanto prima.

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.