Ci sei anche tu

sabato 16 novembre 2013

Pollicino e Pollicina

portapigiamino bimba-bimbo
Sapevate che Pollicino aveva una sorellina? Ovviamente solo nella mia fantasia. Pollicino ( il porta-pigiamino),  forse, si sentiva tanto solo e mi ha chiesto compagnia; è nata, quindi, la sua gemellina Pollicina.
DSC02545
DSC02530





Sono due simpatici monelli che aiutano le mamme a conservare il pigiamino o qualunque altro dei propri pargoletti; molto pazienti si adattano in ogni dove: seduti sul lettino, ciondolanti dalla culla, con quegli occhioni furbetti divertono  e arredano. E perché no, potrebbero  diventare anche un fiocco nascita.
portapigiamino particolari
Hanno le scarpine, il cappellino e la cuffietta, tutto rigorosamente realizzato  a mano con tessuti e accessori “italiani”.
porta-pigiama bimba
E vi aspettano con impazienza…
DSC02527
Adotta anche tu un “Pollicino”.

sabato 9 novembre 2013

Passeggiando con l’Autunno

borsa casetta autunno

Bentrovate amiche vecchie e nuove. Quanto tempo è passato dalla mia ultima pubblicazione, ma vi assicuro che le mie mani hanno lavorato a pieno ritmo. Tra mercatini., fiere, nuovi progetti da realizzare su ordinazione per non parlare del mio lavoro ( quello che mi dà da vivere) ho finito per consumare le 24 ore del giorno e mi restava niente per dedicarmi al mio blog. Questa borsa-casetta mi  è stata richiesta con il tema e i colori dell’autunno, lasciando a me la scelta di tutto, spero di aver compreso e centrato l’immaginario di colei che la indosserà.

borsa casetta  fronte 

Il davanti presenta una bicicletta realizzata con  due anelli di metallo ( quelli per le tende), i tubolari così come i rami sono realizzati all’uncinetto, ops oggi si usa dire crochet, ed il portoncino porta come batacchio un cuoricino di metallo. Passiamo al retro.

bora casetta retro 

Qui si possono osservare le foglie che cadono su una gentil donzella che se ne va a passeggio nel parco con il suo ombrellino e la borsetta.

DSC02513

DSC02518

 

 

 

 

 

 

 

Che autunno sarebbe senza funghi? Seduta sopra un fungo gigante c’è addirittura la fatina dei funghetti, mentre la vendemmia è quasi finita.

borsa autunno particolari

Il tetto è stato realizzato in ecopelle bordato a “crochet”, fiori in panno e…e poi  è finita. Circa un mese di lavoro ma ne è valsa la pena, non trovate?

Oggi la consegno, incrociamo le dita.

sabato 17 agosto 2013

Casa dolce casa

casa dolce casa

Estate, tempo di viaggi, viaggi che allargano i nostri orizzonti, mentali, fisici ed intellettuali, per apprezzare al meglio le bellezze del nostro pianeta. Tornare a casa, però, è sempre dolce, non a caso il famoso detto: casa mia casa mia, pur piccina che tu sia….

targhetta casa dolce casa

Perchè non farsi accogliere da una deliziosa creaturina, seppur di legno, con il motto della nostra “reggia”?

 Casa dolce casa

fuoriporta casa dolce casa 

Che dite ne facciamo una con i nostri colori preferiti? Potremmo anche regalarne una alla nostra migliore amica, o magari a chi non è molto ospitale, chissà potrebbe anche cambiare idea ed aprire la sua porta al mondo.

venerdì 16 agosto 2013

Le tazzine prendono colore

tazine decorate
No, non in quel senso, non vanno al mare a crogiolarsi al sole ma si rotolano nei colori dell’arcobaleno. Avevo delle tazzine bianche, carucce nell’aspetto, ma senza carattere, così un bel giorno armata di colori e fantasia ho reso loro un po’ di giustizia. Devo dire che il risultato mi ha entusiasmata e le ho iscritte a un concorso di bellezza (leggasi mercatino). Avreste dovute vederle, civettuole come non mai, si sono subito guadagnate la simpatia degli ammiratori.
tazzina con fiocco
Per la decorazione ho usato i colori “Gel” ed “Angel” di Stamperia, sono colori a rilievo adatti a tutte le superfici, in particolare al vetro. Prendete il soggetto da decorare e con i colori Gel disegnate il contorno del soggetto prescelto, mentre quelli Angel li userete per il riempimento della sagoma disegnata.
tazzine particolari
Questi soggetti, molto semplici, sono realizzati a mano libera, ma se non vi sentite abbastanza sicure, potete ricopiare ciò che più vi piace, l’importante che teniate sempre il beccuccio del colore staccato dal supporto da colorare e soprattutto mano ferma.
tazzine decorate
Vedrete che dopo un po’, non appena sceglierete un colore le mani si muoveranno da sole, creando per voi  disegni meritevoli dell’arcobaleno.
Buon divertimento!

mercoledì 14 agosto 2013

In vacanza al mare…

cornice con bambola

…e all’aria aperta. Cosa ne dite di un bel giretto in altalena, tra conchiglie , stelle marine avvolte in un costumino retrò? Il soggetto  liberamente tratto dalla creatività straordinaria di Vanda Brombin è stato poi riadattato alla mia fantasia.

cornice con conchiglie 

Il sole è cocente e la pelle delicata potrebbe risentirne, meglio se ci si protegge con un ombrellino, magari fatto con le nostre manine.

Semplici cornici in legno ospitano queste bamboline un po’ in carne ma molto simpatichebambola su cornice

I capelli al vento, le scarpine coordinate ed un’altalena di tutto rispetto, divertono molto la Signorina…ehm… non ha ancora un nome…la chiamerò “Quadrettina”

bambola cicciotta con cappellino particolari Ed eccola qui nella sua affascinante bellezza con il cappellino intrecciato a mano fatto su misura per la sua testolina.

bambola primo piano

“Verdolina”, invece si ripara sotto un ombrellino di seta e pizzi, proprio come si addice ad una vera damina dell’ottocento.

bambola cicciotta su cornice particolari

Una damina un po’ anticonformista che non bada molto alla linea e non si lascia condizionare dalle mode, anzi ne fa un vanto di determinazione e sicurezza. Credo dovremmo prendere esempio da lei, ovviamente parlo per le cicciottine come me.

Con queste  due modelle “taglie molto forti”, auguro un freschissimo ferragosto a tutti.

Aspetto vostre proposte per dare un nome alle due piccole e scusate per le tante foto, ma mi divertivano molto che non riuscivo a smettere.

mercoledì 19 giugno 2013

Che ora è?

DSC02483
Oggi vi racconto la storia di questo orologio.
Un giorno il cucchiaino “Farfalla”, considerato il più birichino della nidiata, scappò di casa e volando volando atterrò in un piccolo giardino, nel retro di una casetta di campagna. Mentre cercava di orientarsi vide poggiato su un muretto un pezzo di legno rotondo, ma così perfetto che quasi non gli parve vero. Cominciò così a volare in tondo intorno al pezzo di legno, dopo un bel po’,  stanco e tutto sudato pensò di riposarsi prima di prendere la strada del ritorno. Improvvisamente fu scosso da un grosso colpo di tosse, quasi come un trombone scordato. Era il pezzo di legno che accortosi dell’ospite sbuffò: “ Chi sei? Da dove vieni? Cosa fai qui?” Il cucchiaino intimidito indietreggiò ma poi incuriositosi prese coraggio e si avvicinò nuovamente riproponendo le stesse domande al pezzo di legno. Quest’ultimo con le lacrime agli occhi rispose: “Sono solo un vecchio pezzo di legno, mi crearono così rotondo per farne un orologio ma poi mi hanno buttato qui e più nessuno si è  preso cura di me”. “Farfalla” di cui tutto si può dire, men che gli manchi la fantasia, propose al vecchio pezzo di legno di seguirlo dai suoi fratelli.
orologio particolari
Arrivati a casa, il cucchiaino Farfalla, spiegò l’accaduto in famiglia, tutti lo guardarono sbigottiti, ad un certo punto il cucchiaino “Cuore”, il più tenero di tutti , commosso abbracciò il pezzo di legno e gli sussurrò all’orecchio: “Non preoccuparti amico mio, ti aiuteremo noi a rinascere a nuova vita”. Prese un grosso pennello e lo dipinse di un delicato color glicine, lo lasciò riposare e tornò dai fratelli ai quali impose loro l’ordine di sistemazione: “ Tu, Sole, sarai colui che batterà il mezzodì, tu, Uvetta, sarai all’ora di pranzo…e così’ tutti in  fila furono chiamati all’ordine per prendere posto su quel vecchio pezzo di legno.

orologio cucchiaini
E così Fiocchetto, Pallino, Fiorellino, Fragolina, Ovetto, Stellina, Ederina, Farfallino, SoleLuna, Uvetta, Cuoricino e Pansè diventarono amici per la pelle del vecchio pezzo di legno, così tondo da non sembrare vero il quale tanta era la sua gioia che sembrava cambiar colore ogni volta che il sole si poggiava su di  lui.
Che bella storia…quasi quasi ne invento un’altra…a dire il vero  già all’opera. Ciao a tutti e alla prossima novella.

martedì 18 giugno 2013

Carlotta la gallina fermapotta…ops porta.

gallina ferma porta
E’ nata anche Carlotta. Da un modello de La bottega della Nonna, come al solito riveduto a modo mio, l’ho ingrandito ed utilizzando un altro tipo di tessuto è venuta più cicciotta. Il fil rouge di questo e altri lavori a cui mi sono dedicata ultimamente, è rappresentato dai girasoli che mi sono stati espressamente richiesti per una cucina country.
gallina fermaporta particolari
Il fioccone le contorna il faccino con un becco davvero simpatico,  due fiorelloni dello stesso tessuto si poggiano sulle ali, mentre un piccolo girasole sulla cresta le dona un tocco civettuolo.
gallina fermaporta
…e crogiolandosi al sole si lascia rimirare in tutta la sua bellezza…ma che civetta…eppure sembra una gallina.
A  prestissimo ( spero)  con altri lavori dal colore ed al calore del sole.

sabato 27 aprile 2013

Facciamoci la treccia!

treccia di stoffa
Lo sapevo! Non avrete  pensato ai capelli? Ormai il tempo delle trecce è passato, almeno per me. Le ho portate fino a 13 anni; avevo tanti di quei capelli , lunghi e ricci che se non avessi fatto le trecce tutte le sere, la mattina seguente sarebbe stato un supplizio pettinarsi. Santa donna la mia mamma. Avrete mica pensato alla treccia salata? Buona vero? Per non parlare di quella di Fiordilatte di Agerola….uhmm che bontà.
Qui trattiamo solo cose che non si mangiano. Quasi quasi…a pensarci bene…un giorno o l’altro aprirò un blog di cucina. Chissà!   
                ghirlanda treccia di stoffa
Ma torniamo alla nostra treccia. Vogliamo chiamarla ghirlanda o forse è meglio corona? La corona con la treccia ci sta proprio a “fagiuolo”. Se volete farne una, basta scegliere le stoffine che più ci aggradano. Creare tre bei tubolari lunghetti, non fateli lunghi come i miei che sembravano tre metanodotti. Per prima cosa pensate alla grandezza della ghirlanda che volete fare, così vi regolate con la lunghezza dei tre “tubi” di stoffa, anche perchè  dopo averli cuciti dovrete  rigirarli alla dritta e poi  imbottirli e non è proprio divertente ( fate in modo che risultino morbidi cosa che vi agevolerà nell’intreccio). Chiudete a cerchio e decorate con nastri e fiori o con quel che vi pare.
ghirlanda di stoffa
Potrete, così, decorare, una parete della camera da letto, una porta, coprire qualche “regalino” lasciatovi da quel sant’uomo dell’idraulico o del falegname che non vi è mai piaciuto. Parlavo del regalino non dell’idraulico. In giro per i vari blog ne troverete tantissime ed anche di più belle, ma se mai aveste bisogno di un suggerimento, un consiglio, una dritta….insomma io sono qui.

martedì 23 aprile 2013

Ti osservo, sai?!

appendino con bambolina

<<Me ne sto qui “appollaiata” al sole ma non ti perdo d’occhio. Devi usare le forbici da giardino ma te le perdi in ogni dove? Eccomi…usami pure. Hai da riporre le chiavi  e come al solito le poggi ovunque. Ci sono io a tenertele sistemate e bene i  vista. Non sai dove appendere una presina o lo strofinaccio? Portami in cucina e ti farò compagnia>>

appendino con mattarello

Non appena la incontri ti conquista e con quel musetto non puoi non adottarla. Insomma, te la porti in cucina, in camera, dai bambini, persino “fuoriporta”.  Ahimè anche qui ho scopiazzato, non ho resistito. La creatrice d’eccezione è  Vanda Brombin che ci delizia pubblicando i suoi capolavori per noi poveri mortali. appendino su matterello

Sarebbe stato un peccato mortale non approfittarne, così l’ho fatta anche io, ma a modo mio.

domenica 14 aprile 2013

“Zuccherina” l’oca signorina


Un’oca così elegante non si era mai vista. Gli ultimi ritocchi prima di presentarsi in società. Una sistematina al trucco e via….si parteeeeeeeee.
DSC02451
Questa  è un’oca fermaporta, dovendo essere sempre presentabile ha scelto un grande fiocco di taffettà in purissima seta ( era un fiocco di un mio vecchio abito da sera, costatomi un occhio della testa), fiori in feltro e becco dipinto a mano con colori per stoffa.particolari oca
E’, però, doveroso di dirvi che il progetto non è mio, l’ho scoperto sulla rivista “Cose Belle” ed  è della favolosa creatrice Federica di Country Creations. Ho fatto quello che potevo , non mi deridete troppo :-)
DSC02458 Eh povere oche, si  detto è di tutto e di più sul loro comportamento e sempre associate agli umani stupidi…ma sapete perché ?
papera particolari Perché, purtroppo, l'oca è l'animale ritenuto simbolo della stupidità, ma solo a causa delle sciocchezze che gli uomini hanno scritto con le sue penne.
“Ciao cocche” l’ochetta vi saluta…qua qua!

martedì 2 aprile 2013

La scatola dei ricordi

scatola legno decorata

Conservare i nostri ricordi, a volte pensieri reconditi e intimi ci aiuta a sorriderne con dolcezza e nostalgia, ma spesso la sola  memoria non basta, ha bisogno di essere accompagnata da antichi odori, ha bisogno di assaporare il tatto delle cose vissute; ed ecco che si materializzano frammenti di foto, lettere dai bordi  ingialliti, la perfezione dei gioielli antichi magari anche solo delle perle ormai invecchiate. Mantenere la memoria viva non deve essere un pretesto per rimanere legati al passato senza proiettarsi nel futuro o ancor peggio evitare di vivere il presente, ma, come lo è per me, una carezza all’anima ed indurci a creare nel presente altri ricordi per il futuro.

scatola decorata legno particolari

Nasce, così, questa scatola di legno, recuperata da quelle che si usano per confezionare il vino, tessuti preziosi e pizzi ricercati. Lino puro color ecrù ricopre  il coperchio che è  stato dapprima imbottito. Un cuore di gesso e rose in raso completano l’opera.

scatola legno interni

L’interno della scatola è stato rivestito con tessuto in shantung in seta sempre con una leggera imbottitura, passamaneria avorio e fiocchetti che adornano i quattro angoli. Due nappine bianche scendono vezzose dal pizzo e decorano la chiusura.

DSC02428

“Live the life you love”

Vivi la vita che ami…ed io aggiungo: vivi la vita che ami con amore.

sabato 30 marzo 2013

Un pulcino più un coniglietto = “Buona Pasqua”

Coniglietti con asciugamani

Avete dimenticato di fare un regalo a qualcuno? Bene questi animaletti simpatici e facili facili fanno proprio al caso vostro. Prendete un asciugamano per ospiti, arrotolatelo su se stesso ( io l’ho fatto partendo da un angolo e arrotolandolo in diagonale).  Adesso piegate a metà il tubolare che avete ricavato. Il lato piegato fungerà da testa per entrambi gli animaletti. Adesso ripiegate su se stessi i due lati esterni che per il coniglietto andranno messi sul retro della testa, mentre per il pulcino ai lati. Con dei nastrini bloccate le piegature e fate un bel fiocco. Non avete occhietti mobili per pupazzi?. Niente paura. Usate degli spilli con la testina a perlina. DSC02416

Per il nasino  del coniglietto usate una pallina di feltro fermata con uno spillo.

DSC02421

Con del feltro giallo disegnate delle zampette e la crestina che applicherete sempre con degli spilli al fine di evitare di usare colla e rovinare la spugna, a meno che in casa non vi troviate della colla non permanente.

DSC02414

Legate, quindi, dei sacchetti con degli ovetti di cioccolata ed il vostro regalino dell’ultimo minuto è completato:  farete felici grandi e piccini.

animaletti con asciugamani

E ora non mi resta che augurarvi che la vostra

 Pasqua sia ricca di pace, serenità e amore.

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.