Ci sei anche tu

Visualizzazione post con etichetta Papier Machè. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Papier Machè. Mostra tutti i post

mercoledì 7 marzo 2012

Leggeri sapori di un tempo

gabbietta casa da sogno 1

La mia giornata è cominciata con una bellissima sorpresa. Ci voleva proprio dopo gli ultimi giorni offuscati da uno spiacevole episodio, che alcune di voi già conosceranno, tuttavia, come spesso accade, il merito viene premiato ed ecco che oggi ho ricevuto la notizia che la mia deliziosa gabbietta, è stata pubblicata su Casa da Sogno.

Era un progetto scommessa , realizzato già diversi mesi fa e tenuta ben nascosta per esigenze redazionali. Mi son detta, tanto non la pubblicheranno mai, è troppo fuori dagli schemi, magari preferiscono altre creazioni, del resto ognuno di voi è bravissima e specializzata in qualcosa di specifico. Io che spazio da una cosa all’altra senza alcuna organizzazione, mi sono cimentata nella realizzazione di questo soffio di primavera. Tutto è cominciato dagli uccellini. Mentre mi divertivo ad appallottolare dei pezzetti di carta, in men che non si dica è nata sotto le mie mani la sagoma di un uccellino…e poi sapete come avviene, da cosa nasce cosa….

gabbietta casa da sogno 2

La redazione di Casa da Sogno, con grande mia gioia, ha apprezzato questo lavoro, tanto da dedicargli un bellissimo articolo ed io ne vado fiera e sono molto grata a chi ha creduto in me.

gabbietta papier mache

Per coloro che volessero imparare una nuova tecnica, basta  seguire il tutorial passo passo con tutte le spiegazioni relative a materiali ed esecuzione. E’ più facile a farsi che a dirsi, serve solo tanta pazienza, ma chi di voi non ne ha? Creative e super come siete, non avrete alcun problema a realizzarne anche di più belle.

 

Casa da sogno gabbietta

martedì 10 maggio 2011

Cornice “ingessata”

cornice decorata

Avete letto bene! E’ proprio ingessata la mia cornice. Vi chiederete se sono impazzita. No, no, è solo realizzata con la garza gessata e ricoperta di carta velina. Ultimamente sono stata presa dalla tecnica del “papier machè” rivisitata. Ho applicato su un’anonima cornice di legno, di quelle che si acquistano nei negozi di hobbistica solitamente da decorare in decoupage, una rete metallica da conigliera, rivestita di garza gessata, modellata a piacimento e poi decorata con fiori e farfalle realizzate con filo metallico sottile e carta velina. Non è un amore?

 

 

 

 

venerdì 15 aprile 2011

Albero porta-collane

KIF_1289
“ Mi piacerebbe un albero porta-collane, con il materiale che più ti piace”. Questa fu la richiesta di una mia amica.
E come lo faccio, mi domandai? Di legno ce ne sono già tanti, inoltre mica sono un falegname, mi dissi. Gira che tirigira, pensa che ti ripensa, mi ricordai di una tecnica letta anni fa su una rivista di decorazioni.
Una tecnicadivertente ma anche molto sorprendente.
Mi misi subito all’opera,  mi piace sperimentare nuove lavorazioni ed ora vi spiego come l’ho realizzato.
Ho preso del filo di ferro di medio spessore. Ne ho tagliato 18 fili lunghi 80 cm ognuno.
Ho cominciato ad intrecciarli dal centro, lasciando liberi gli ultimi 20 cm dalla base. Questi ultimi li ho divisi in 6 parti e ed ho intrecciato tre fili alla volta, ripiegandoli modo da formare una specie di petalo per creare la base d’appoggio.
Ho continuato ad intrecciare i fili rimasti e man mano che salivo, ne lasciavo liberi due per realizzare i vari rami che  alla punta di ognuno prendevano la forma di un piccolo petalo.
Ho rivestito il tutto con della garza gessata, sìsì proprio quella che serve per le ingessature ( l’ho acquistata in farmacia). Si ritagliano piccoli pezzetti alla volta. si bagnano velocemente in acqua, si strizzano e si avvolgono intorno alla struttura. Una notte intera per lasciarla asciugare e vi ritroverete un albero ben ingessato.
Si procede quindi al rivestimento del tutto con carta velina intrisa di colla vinilica diluita con acqua. Per rendere la superfice liscia servono almeno tre strati di carta. Mi raccomando di lasciare asciugare bene tra uno strato e l’altro. Ho rivestito il fondo della base con della carta vellutata.

KIF_1290 

Ho dipinto infine con colori acrilici e una  una mano di vernice all’acqua al fine di poterlo spolverare con un panno umido. Il fiore è stato realizzato nella stessa maniera, solo con filo metallico più sottile e con soli due strati di carta. A dire il vero, dal vivo rende di più. Le striature ricordano proprio la rugosità del legno  e le torsioni di un vero albero. Avrei voluto decorarlo con delle foglioline ma penso che sarebbero state d’intralcio, impigliandosi nelle collane.
Che ne dite non è un alberello un po’ Shabby e molto Chic?

KIF_1287  KIF_1286















I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.