Ci sei anche tu

Visualizzazione post con etichetta Ghirlande. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Ghirlande. Mostra tutti i post

lunedì 28 marzo 2016

Ghirlanda di conigli

ghirlanda pasquale

Un altro progetto dell’apepazza, nato come copri forno è stato adattato a ghirlanda fuoriporta, volendo anche pasquale. Mamma coniglia e il suo cucciolo coniglietto vicini-vicini con le orecchie al vento.

fuoriporta conigli

Tre enormi tulipani ornano la ghirlanda con altrettante foglie in tessuto animate con fil di ferro fermato al centro con cucitura a mo' di nervatura.

ghirlanda

 

Le fantasie delle stoffine sono diverse ma ben si amalgamano tra loro, dando vita ad un susseguirsi di colori che richiamano la primavera.  Ognuno dia sfogo al proprio estro pur ringraziando la creatrice del progetto: Apepazza

lunedì 4 agosto 2014

Adesso siamo in tre: Fiocco nascita decorativo

ghirlanda uccellini
diametro ghirlanda 35 cm
Queste sono le parole che si pronunciano quando si diventa genitori per la prima volta. Li abbiamo voluti immaginare come una coppia di uccellini poggiati su rami fioriti a gioire per la nascita del loro pulcino.
fiocco nascita uccellini
Una ghirlanda in legno, fatta ritagliare apposta da un mio amico falegname, rivestita di cotonina , dove si poggiano rametti di feltro fioriti, mamma e papà uccellini e la piccola pulcina; due farfalle svolazzano per annunciare al creato la nuova arrivata, in un tripudio di fiori e merletti. Tutti insieme vanno a comporre  un grazioso ed entusiasmante fiocco nascita.
ghirlanda bebè Nel caso specifico abbiamo utilizzato i toni del rosa per annunciare una femminuccia,  è possibile realizzarla sia in azzurro che nei colori che più si desidera, nel caso fosse utilizzato solo come decorazione e ovviamente personalizzarla con il nome. Parola d’ordine: tutto rigorosamente fatto a mano!

sabato 27 aprile 2013

Facciamoci la treccia!

treccia di stoffa
Lo sapevo! Non avrete  pensato ai capelli? Ormai il tempo delle trecce è passato, almeno per me. Le ho portate fino a 13 anni; avevo tanti di quei capelli , lunghi e ricci che se non avessi fatto le trecce tutte le sere, la mattina seguente sarebbe stato un supplizio pettinarsi. Santa donna la mia mamma. Avrete mica pensato alla treccia salata? Buona vero? Per non parlare di quella di Fiordilatte di Agerola….uhmm che bontà.
Qui trattiamo solo cose che non si mangiano. Quasi quasi…a pensarci bene…un giorno o l’altro aprirò un blog di cucina. Chissà!   
                ghirlanda treccia di stoffa
Ma torniamo alla nostra treccia. Vogliamo chiamarla ghirlanda o forse è meglio corona? La corona con la treccia ci sta proprio a “fagiuolo”. Se volete farne una, basta scegliere le stoffine che più ci aggradano. Creare tre bei tubolari lunghetti, non fateli lunghi come i miei che sembravano tre metanodotti. Per prima cosa pensate alla grandezza della ghirlanda che volete fare, così vi regolate con la lunghezza dei tre “tubi” di stoffa, anche perchè  dopo averli cuciti dovrete  rigirarli alla dritta e poi  imbottirli e non è proprio divertente ( fate in modo che risultino morbidi cosa che vi agevolerà nell’intreccio). Chiudete a cerchio e decorate con nastri e fiori o con quel che vi pare.
ghirlanda di stoffa
Potrete, così, decorare, una parete della camera da letto, una porta, coprire qualche “regalino” lasciatovi da quel sant’uomo dell’idraulico o del falegname che non vi è mai piaciuto. Parlavo del regalino non dell’idraulico. In giro per i vari blog ne troverete tantissime ed anche di più belle, ma se mai aveste bisogno di un suggerimento, un consiglio, una dritta….insomma io sono qui.
I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.