Ci sei anche tu

venerdì 1 dicembre 2017

Due targhette per due gemelli

Targhette gesso gemelli

Queste targhette  sono proprio simpatiche e riscontrano un enorme successo per chi vuole fare un regalo diverso dalle solite tutine, ciucciotti e biberon. E’ vero, quando nasce un bimbo le cose da comprare sono tante e  non bastano mai, ma c’è sempre qualcuno che ti sorprende con un oggetto che non avresti mai pensato di acquistare per la sua futilità, ma che riceverlo in regalo ti rende felicissima. Ecco, questo per me è il significato di “regalo”.

targhette nascita gesso

Queste due targhette sono state realizzate  per Antonio e Roberto, due piccoli ometti appena nati, sono stati richiesti colori più vivaci e quindi ho “ sporcato” con una spugnetta bagnata di colore il perimetro esterno della base, già tinta in celeste chiaro, e i soggetti pendenti. Ho aggiunto decorazioni nei toni del giallo e verde e nel complesso sono proprio deliziose.

Alle prossime targhette.

giovedì 16 novembre 2017

Le stelle sono rosa

Fiocco nascita rosa

Il fiocco con le nuvole e stelle ha riscosso molto successo tra le mamme di futuri maschietti, finalmente  è stato scelto anche per una “signorina”. Ogni volta che ne realizzo uno mi sento sempre trasportata sulle nuvole e quei pompon mi danno l’idea di essere palline di zucchero filato. Sarà che sono una sognatrice.

fiocco_nascita_rosa_stelle

Potete vedere la versione azzurra QUI, pertanto non mi dilungo più del necessario.

Nuvola fiocco nascita

Vi ricordo che per informazioni o prenotazioni potete scrivere a piccole_creazioni@libero.it

A prestissimo con nuovi e divertenti lavori.

Grazie e baci!

lunedì 6 novembre 2017

Un angelo sull’albero

angelo puntale

Da un progetto della strepitosa Vanda Brombin, ho provato a realizzare a modo mio il suo “ In Cima all’Albero” il cui tutorial potete trovare QUI.

Non avendo ancora pronto l’albero l’ho attaccato ad una lampada da terra e devo dire che mi è tanto piaciuto l’effetto che quasi quasi la lascio lì  già da adesso.

puntale angelo pigottina

Le ali di feltro color panna sono doppie,  ho “sporcato” i bordi  con un ombretto color caramello, fissandolo poi con il ferro da stiro e le ho divise con dei fiocchetti di nastro d’organza dello stesso colore. Le maniche le ho realizzate ai ferri a punto rasato con della soffice lana   mohair che ha il vantaggio di non lasciare pelucchi.

angelo pigottina

Sul retro ho applicato un altro fiocco di tulle marrone e un doppio fiocchetto in organza. Dal vestito si intravede uscire un ricciolo di ferro bianco al quale ho appeso un campanellino.

Questo progetto me lo porterò al Salone del Cake Design"Torte in Fiera" al quale sono stata invitata per presentare una Demo, di due miei progetti questo prossimo Sabato 11 Novembre alle ore 13 00. in Viale delle Industrie a San Marco Evangelista (Ce) – uscita Caserta Sud,

Vi lascio anche la piantina per arrivarci. Ovviamente per quelli che sono in zona e nelle vicinanze sarà un piacevole incontro e una giornata piena di meravigliosi e succulenti progetti che i Maestri dell’alta pasticceria ci mostreranno grazie alla loro abilità

23031171_1157994044334437_3911595632777375442_n 

Per partecipare alla Demo gratuita ci sono ancora poche possibilità, per informazioni e prenotazioni : info@torteinfiera.com

Accorreteeeeeeeeeeeeee Smile

mercoledì 25 ottobre 2017

Alice nel Paese delle Meraviglie

alice nel paese delle meraviglie

Quando non sai come complicarti la vita, decidi di realizzare 25 pupazzetti a mano. Disegni, ritagli a mano ogni singolo pezzetto, cuci rigorosamente a mano, infili le perline, assembli, incolli con bolle sulle dita  a corredo del tutto. Ecco come complicarsi la vita. Scherzi a parte, quando mi è stato chiesto di realizzare dei gadget per una festa di compleanno a tema “ Alice nel paese delle meraviglie, la prima cosa che ho pensato: “ Vabbè, una cosina semplice, un sacchetto con delle caramelle e qualche soggetto da appiccicarci vicino”. La mia cliente, mamma della bimba da festeggiare mi aveva lasciato carta bianca, fidandosi ad occhi chiusi ( chissà se ha fatto bene). Ogni giorno le ho sottoposto un’idea, e tutte le sono piaciute, ma non intrigavano me. Così mi son trovata la cosa “ più semplice” da realizzare alice on wonderland

La prima nata è stata Alice con i suoi bei lunghi capelli biondi.

regina di cuori_feltro

La regina di cuori con la sua boccuccia a cuoricino è meno arcigna di quella originale

Cappellaio matto_feltro

Il cappellaio matto è ha un’espressione proprio dolce

Bianconiglio_feltro

Bianconiglio è davvero molto carino con i suoi occhiali ( sono degli anelli per chiavi, sccccccccccchhh ma non sveliamolo a nessuno).

Stregatto_feltro

Stregatto è più simpatico dal vivo con i suoi dentoni spettinati.Carta di cuori_feltro

Mi mancavano ancora 6 pupazzetti e quindi mi sono inventata le carte di cuori, deliziose e…Toperchio_feltro

…Toperchio…quello che mi diverte di più. Una testina che salta dalla teiera portando sul capo il coperchioTopino feltro

Sono ancora tutti impelati, fili di colla da pulire, ma ero impaziente di condividere con voi la mia ultima fatica.

Le foto sono tante, ma non potevo non lasciarvi i dettagli per ogni personaggio.

Di sicuro Gaia compirà un compleanno felice insieme ai suoi amichetti e potrà divertirsi con tutti i compagni della sua preferita Alice.

mercoledì 11 ottobre 2017

Corno ( curniciello) portafortuna

cornetti portafortuna

Tutto è cominciato da una telefonata: “ Ciao Titta ( sarei io, non mi chiedete perché mi chiamano anche così), devi farmi un regalo”” Chi parla è il mio super nipote Chef che vive a Siena. –Che regalo?- rispondo io. “ Un corno portafortuna”.  Un corno portafortuna, il famoso “curniciello” napoletano.  La leggenda narra che il curniciello debba essere fatto rigorosamente a mano, perché si pensa che chi lo realizza rilasci energie positive sul talismano, di colore rosso, il rosso rappresenta il colore della forza per eccellenza ed infine ma non per meno importanza debba avere tre caratteristiche specifiche: “Tuosto, stuorto e cu ‘a ponta”, ovvero, Rigido, storto e con la punta.  Ma ce un però. Non bisogna mai acquistarne uno per sé, lo si deve ricevere in dono perché abbia il suo effetto portafortuna. Riattaccata la cornetta mi balena un’idea nella mia testolina frenetica. “ E se gliene facessi uno io con il cappello da chef?corno portafortuna chef

Ed eccolo qui, di colore rosso, “tuost, stuort e cu ‘a ponta” e con il cappellino da chef. Ho aggiunto altri ciondolini scaramantici: un ferro di cavallo, un gufetto, un elefantino ed anche un albero della vita…Meglio abbondare diceva Totò.

corno portafortuna romantico

La fame vien mangiando e mi son fatta prendere la mano, questo è un curniciello romantico.

corno portafortuna fashion

Questo, invece, è la versione fashion. Ne sono in arrivo altri ma mi sono  troppo divertita nel realizzarli e volevo condividerli con voi.

Tuttavia, per darvi alcuni cenni storici,non solo a Napoli è  adottata la scaramanzia del corno, pare che questa simbologia sia diffusa in molte civiltà, da quella ebraica alla cristiana, persino i sumeri conoscevano il curniciello.

“ Essere superstiziosi è da ignoranti non esserlo porta male”

                                                                                Eduardo

giovedì 28 settembre 2017

Portafoto? No un quadro!

DSC05375

Vanno molto di moda questi quadretti decorativi con i gessetti ed anche io ho provato a farne uno. Approfittando dell’avvicinarsi del compleanno della piccola Isabel mi sono lanciata in questa decorazione con tutte le varie “prove” di gessetti che ho nello “stipone”. Non avendo una cornice con un margine di profondità , ho girato al contrario la cornice in legno che avevo acquistato tempo fa ( sempre serve a qualcosa, mi dico ) , ho tolto il vetro ed incollato la parte posteriore del portafoto alla faccia anteriore della cornice, dopo averla decorata con del cartoncino.

decorazione camera bimba

Ho sfilato con una pinza le quattro levette che fermavano il retro del portafoto e per nascondere i leggeri buchetti , non mi andava di armeggiare con stucco e colori, ho ricoperto tutto il perimetro con un nastrino in pizzo.

quadretto gessetti

E via con le decorazioni. Roselline, cuoricini , farfalline, tutto in polvere di ceramica. Nell’insieme è un bel vedere e sicuramente sarà un regalo decisamente originale.

lunedì 21 agosto 2017

Bomboniere nascita con scatola decorata

scatola bomboniere nascita

Nonostante il caldo infernale di questa torrida estate, c’è chi, come me, ha ancora lavorato. Tra i vari lavori portati a termine c’è questa scatola “bonbon” che ho realizzato per contenere delle bomboniere per una nascita.       

bustina confetti nascita_bomboniera nascita  

Con la tecnica origami ( in rete ci sono diversi tutorial) ho costruito queste piccole bustine da un cartoncino di  cm 15 x 15 , anche se suggerisco di utilizzare una carta meno spessa. Piedini e fiocchetto adornano la bustina che contiene 3 confetti. Volendo si possono modificare le dimensioni al fine di inserirne di più. La mamma ha scelto di aspettare che nasca la sua bimba per scrivere nome e data sul lembo superiore della busta.  

scatola porta bomboniere

Al posto del classico cestino, ho preferito  decorare una scatola di cartone, molto resistente, con del tessuto fantasia che richiama i cuoricini delle bustine, purtroppo in foto non si notano abbastanza. Due volants rivestono la circonferenza della scatola. Sul coperchio ho applicato due grandi fiocchi dello stesso tessuto e diversi cuori in varie misure  e decorazioni in gesso ceramico sintetico. Finalmente il pacco è partito con tante altre belle cosine per la futura mammina, donna coraggiosa e mamma gioiosa : è la sua piccola terza principessa. Ti aspettiamo piccolina, porterai gioia nei cuori di tutti noi.

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.