Ci sei anche tu

domenica 11 dicembre 2016

Decoriamo un abito

Abito decorato

La richiesta è stata un po’ bizzarra, ma visto il risultato, sono felice di ringraziare la mia cara cliente, ormai amica, di avermi offerto questa opportunità.                 Vi avevo già parlato di lei  a proposito di borse, ma vi voglio raccontare di più. E’ un’insegnante, vive quotidianamente tra i bambini ed il suo modo di interagire con loro la porta a fare anche questo:  raccontarsi anche con l’abbigliamento. Lo trovo un metodo dolcissimo e anche molto educativo, tornare bambina per comprendere di più le loro esigenze. I suoi alunni saranno strafelici di avere una “Maestra” così originale e colorata.

decorazione_abito_bambina

Ma torniamo al vestito. Una salopette di jeans ( acquistata), assume un aspetto giocoso con uno gnomo con tanto di scarpette a punta e barbona su una delle due tasche e due farfalle variopinte sull’altra. Tra le richieste c’era anche un arcobaleno, simbolo che predilige molto chi dovrà indossare l’abito. Detto così non mi soddisfaceva molto, quindi ho applicato una bimba che tende la sua manina per reggere sei palloncini a forma di cuore nei colori dell’arcobaleno.

vestito decorato

E per finire, sulla pettorina troneggia un gufetto portafortuna poggiato su un rametto con delle foglioline all’uncinetto, due funghetti adornano il bordo inferiore dell’abito. A parte le dita bucate e tanta pazienza, sono stata davvero felice di creare quest’abito più unico che originale.                                                      Chissà quante storie si racconteranno con questi decori.

venerdì 2 dicembre 2016

Centrotavola natalizio

centrotavola_natale_gessi_lettere

Il Natale è ormai alle porte  e ci affanniamo per non arrivare impreparati con regali e decorazioni. Questo centrotavola nasce per caso.                                               Tutto è cominciato dalla base: una semplice base per orologio che, abbandonata tra i tanti materiali, aspettava arrivasse il suo momento.                                         L’ho presa tra le mani, l’ho spolverata, quasi ad accarezzarla e le ho sussurrato: cosa ci faccio con te? Forse mi ha risposto sottovoce, ma immediatamente mi è balenata l’idea di come darle nuova vita. L’ho dipinta di un delicato color tortora, anche se le foto sembrano tutte grigie, ahimè scelgo sempre le giornate meno luminose  per immortalarle, l’ho “sporcata “lungo i fregi con del glitter bianco e poi mi sono deliziata ad installare il resto.Natale_decorazioni_centrotavola_gessi_feltro

Ho realizzato tre alberelli in feltro nei toni tortora e bianco, li ho decorati con nastri di lino , una decorazioni natalizia che dormiva da un anno in un cassetto e tanti gessi in tutte le forme di polvere di ceramica finissima e bianchissima.

centrotavola natalizio

Le lettere  per comporre la scritta sono alte sei centimetri e profonde due, e si ergono dritte e altere nel loro candore, un angioletto con il nasino all’insù addolcisce la severità delle lettere, mentre sul fondo un altro angelo dona amore recando tra le mani un cuoricino dalla scritta “love”.

alberelli_feltro_natale

Al centro ho realizzato una lanternina ricavata da un barattolo di piselli…a cui ho applicato un pizzo bianco e con del filo di alluminio ho creato un gancio da cui scende un fiocco di neve in polvere di ceramica sul quale  ho cosparso un po’ polvere brillantinata bianca.

centrotavola_ feltro_gessi_candele

Nell’insieme è un bel vedere, almeno per i miei occhi ed è stato facilissimo e molto divertente.

Un’ultima cosa, la base di legno mi ha confessato che è felice di sopportare il peso del Natale piuttosto che sentire il ticchettio delle lancette.

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.