Ci sei anche tu

mercoledì 11 febbraio 2015

La fatina dei fiori

DSC03060
Questo post è dedicato alla piccola Giulia, che presto indosserà questo prezioso abitino per impersonare la fatina dei fiori. Una piccola fata di appena 15 mesi . Una gonnellina di organza con sottogonna di 4 strati di tulle, il corpetto in rasatello di cotone rivestito di organza, due maniche appena accennate in tulle e fiori in  quantità.
vestitino fata dei fiori
La chiusura del corpetto è stata fatta sul retro con dei lacci che si incrociano, tipo corsetto ed un lungo fiocco in tulle sigilla la vita con una cascata di piccoli fiori di pesco.DSC03067 Poteva una fatina non avere le ali ( temo che siano anche più grandi di Giulia) ? Realizzate con fil di ferro robusto, rivestite con collant e dipinte con colori acrilici per stoffa , io ho usato il medium per stoffa nei colori acrilici normali, che dona anche un po’ più di durezza. Con una bacchetta di incenso accesso ho bucato il collant e decorato con glitter e strass adesivi.
ali fatinaHo unito le singole ali tra loro con del nastro adesivo plastificato, tipo quelli da elettricista, rivestito poi con del nastro bianco  di raso per mascherare l’obbrobrio e applicati dei fiori al centro facendo scendere a cascata dei nastrini in diversi colori.coroncina fatina
And last but not least:  la coroncina della fatina. Uno stelo dei fiori usati per decorare, piegato a mò di frontino, coperto da nastrino di raso, tulle e sempre tanti fiorellini.
Spero di mostrarvi quanto prima la fatina al completo…cioè la piccola Giulia in costume…speriamo che le vada, visto che è stato completato senza prove e con misure prese come capitava. Ve la immaginate una trottolina che mentre corre traballante per casa si lascia prendere misure del giro vita e quant’altro?

0 commenti:

Posta un commento

Il tuo commento mi rende felice...grazie!

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.