Ci sei anche tu

domenica 23 novembre 2014

Benvenuto Giovanni

Triciclo pannolini

Quanto tempo! Mi siete mancati ed ho tante cose da mostrarvi. Le mani, seppur laboriose, non riescono a stare dietro alla testa che pensa, progetta, elabora, disfa, rielabora:  insomma una confusione totale come quella che regna ovunque.…eh sì, la mia “craft room” è diventata la craft house. Questo è uno dei tanti progetti realizzati su richiesta. In rete ce ne sono di tutte le fogge, coloratissime e bellissime ed ora c’è anche questa.

triciclo pannolini Le ruote sono state realizzate  ognuna con 18 pannolini Pampers progressi taglia  3, per legarle insieme ( le due posteriori con quella anteriore) è stato utilizzato un lenzuolino da culla, mentre il manubrio è nato da un accappatoio le cui due estremità sono state ricoperte con scarpette di lana. Per simulare i due mozzi delle ruote posteriori sono serviti due calzini infilati al centro delle stesse. Il faro anteriore è un biberon anti singhiozzo Chicco,  un minuscolo body    di cotone caldo si è prestato per rappresentare il sellino dove è nascosto un cappellino azzurro.

targa triciclo pannoliniAnche i ciclomotori più piccoli  devono essere dichiarati, per cui non poteva mancare la targa che è ben assicurata   da due mollettine decorative piuttosto che dei freddi e anonimi bulloni.

 

composizione pannolini

Per la confezione: tanti fiocchi ed un doppio cuore in organza con il nome del bimbo ricamato con nastrino di raso. E vogliamo forse dimenticare  il marchio di fabbrica? Non ha niente da invidiare a cavallini rampanti, tridenti o torelli: una tenera pecorella per un veicolo da usare in tutte le sue parti.

Buon viaggio nella tua nuova vita caro piccolo Giovanni.

I lavori in questo blog sono opera del mio ingegno
ed hanno carattere creativo. Dichiaro di non esercitare l’attività di commercio al dettaglio di detti articoli in forma professionale, ma di praticarla in modo sporadico (commercio occasionale) non soggetto quindi alle discipline commerciali contenute nel D. Lgs 114/98, che regola le attività di commercio in forma professionale e continuativa. Perciò, dichiaro di vendere, in maniera occasionale e saltuaria, oggetti che sono il risultato e l’opera della mia creatività ed ingegno, così come previsto dall'art.4 comma 2 lettera h del Decreto legislativo 114/98 . Le mie creazioni rientrano, quindi, nella casistica del suddetto articolo.
Non sono pertanto obbligata
ad iscrivermi in nessuno dei Registri (obbligatori per gli imprenditori commerciali professionali) presso nessuna Camera del Commercio del Territorio Italiano in relazione agli articoli trattati.